Piazza Martiri, 3, 09010 Sant Anna Arrresi CI
0781 966102
puntagiara@santannarresijazz.it

JOSHUA WHITE SOLO

il festival jazz del sud-ovest sardo

JOSHUA WHITE SOLO

  • Joshua White (piano)

ESCLUSIVA EUROPEA

Joshua White, pianista nato il 17 agosto 1985, ha avuto una formazione musicale parallela tra la musica classica e quella della tradizione gospel prima di incontrare la musica più comunemente chiamata “jazz”, presso l’Università della California, al Campo estivo di San Diego nel 2003. Ha iniziato la sua formazione per pianoforte all’età di sette anni con un maestro privato, e successivamente si è immerso nella musica di Bach, Mozart, Beethoven, Chopin, Rachmaninoff e altri. Dopo ha partecipato a diversi concorsi di musica classica per pianoforte, diventando anche organista e pianista della Chiesa del suo quartiere, Joshua (all’età di 18 anni) scelse di concentrare i suoi studi musicali sul “jazz” e le tradizioni musicali improvvisate, traendo ispirazione da numerosi innovatori. Si immerse nella musica prima con l’aiuto di musicisti di fama mondiale come il compositore Anthony Davis, il sassofonista David Borgo, il flautista Holly Hofmann e il maestro di piano Mike Wofford. “Joshua è stato lo studente più devoto con cui abbia mai lavorato”, afferma Wofford. “Assolutamente concentrato e con ottima padronanza intuitiva della musica, anche in quella fase iniziale “.

Negli anni seguenti, White fece progressi incredibili nella comunità jazz del sud della California, suonando con il virtuoso trombettista Gilbert Castellanos, la leggenda del sassofono contralto Charles McPherson, il bassista Marshall Hawkins, il sassofonista tenore Daniel Jackson e l’ex sideman di Anthony Braxton, Mark Dresser. Dresser scelse il giovane musicista per il suo Quintetto della West Coast, che vedeva il sassofonista Ben Schachter, il virtuoso il trombonista Michael Dessen e il batterista Kjell Nordeson. “Josh è un grande giovane pianista”, ha detto Dresser. “Vedo lui come a un talento singolare. Ha tanto da dare. “Il virtuosismo di White non è mai fatto da esibizioni vuote o di sola tecnica. Ha la misteriosa capacità di fondere il lirico con passaggi di tensione tumultuosa senza far perdere l’ascoltatore lungo il processo. È, in breve, un improvvisatore culturale, che parte dalla sua eredità e si avventura attraverso nuove possibilità.

Nel 2011, White ha partecipato al prestigioso Concorso pianistico internazionale Thelonious Monk di Washington D.C., posizionandosi al secondo posto su 160 concorrenti provenienti da tutto il mondo.

Herbie Hancock era uno dei giudici. “Joshua ha un talento immenso”, ha detto Hancock al critico musicale George Varga del San Diego Union Tribune. “Sono rimasto colpito dal suo audace e coraggioso approccio all’improvvisazione e all’avanguardia dell’innovazione. E’uno che sà il fatto suo. Credo che Thelonious Monk sarebbe stato orgoglioso della performance di questo grande giovane artista … ” Il critico jazz del New York Times, Ben Ratliff, era presente alla competizione. “Ha premuto forte contro la sezione ritmica e improvvisato con la forma, dicendo al bassista Rodney Whitaker e al batterista Carl Allen cosa fare e quando, accelerando e decelerando, improvvisamente andando libero (nessun altro lo ha fatto). Il Sig. White ha usato molta dissonanza e disordine, ma era provocatorio, il caos era relativo solo agli accordi, non allo stile geniale da solista. E’un suono a cui vale la pena di ritornare “

Negli ultimi anni, White è stato definito come uno dei più creativi e tecnicamente compiuti pianisti della California meridionale. Si esibisce regolarmente a Dizzy’s (San Diego), Blue Whale (Los Angeles), The Loft (La Jolla), la Athenaeum Music and Arts Library (La Jolla) e numerosi altri luoghi sulla costa occidentale.

Formato nel gennaio 2014, il Joshua White Quartet è un gruppo incentrato sull’interpretazione dell’originale composizioni, oltre a esplorare i confini dell’improvvisazione collettiva. Il JWQ presenta David Binney (Alto Sax) Harish Raghavan, Hamilton Price (basso) Damion Reid, Mark Ferber (batteria). Anche il pianista Joshua White ha lavorato /registrato con Chrisitan McBride, Dayna Stephens, Ambrose Akinmusire, Walter Smith III, Marvin “Smitty” Smith, Tim Lefebvre, Joe LaBarbera, Hugh Ragin, Anthony Wilson, Derrick Hodge e molti altri.

LINE UP:

Joshua White – piano

SITO:

www.joshuawhitemusic.com

VIDEO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *